La procedura di revisione

Identificazione del veicolo: con il libretto di circolazione si verifica la corrispondenza e l'integrità delle targhe e del numero di identificazione del veicolo (telaio).

Controllo dei gas di scarico: il veicolo viene collegato all'analizzatore in caso di mezzo alimentato a benzina, od opacimetro in caso di mezzo alimentato a gasolio per controllare le emissioni di gas.

 

 

 

Prima fase

Controllo dei pneumatici: devono essere in buone condizioni, rispettare le misure indicate dalla casa costruttrice e riportate sulla carta di circolazione e devono rispettare la misura minima di spessore battistrada indicata dalla legge (per maggiori info vi rimandiamo alla sezione pneumatici ).

Controllo impianto elettrico: viene controllato che l'impianto elettrico sia funzionante, luci, frecce, tergicristallo, clacson, spia airbag, ABS, etc.

Controllo luci: vengono controllate tutte le luci di segnalazione e con l'apposito strumento l'intensità e l'allineamento dei fasci di luce anteriori.

Carrozzeria: deve essere in buone condizioni e non deve presentare punti di ruggine e ammaccature.

Seconda fase

Parabrezza: deve essere integro.

Impianto frenante: il veicolo viene posizionato sui rulli per testare l'efficienza frenante dell'asse anteriore e posteriore. Viene effettuata anche la prova del freno di stazionamento.

Controllo avantreno e retrotreno: il veicolo viene sollevato sul ponte per essere sottoposto al controllo sui bracci di sospensione, barra stabilizzatrice ed eventuali giochi sulla scatola guida e testine dello sterzo.

Equipaggiamenti: viene controllato se a bordo è presente l'occorrente per la sostituzione della gomma ( ruota o ruotino di scorta, kit riparazione), gilet catarifrangente e triangolo.

 

Share by: